Domenica 13 luglio 2014

Agricoltore avvolto dalle vespe

In ospedale pieno di punture

Tanta paura per un agricoltore di Verderio che è stato aggredito da uno sciame di vespe.

L’altra mattina si trovava nel suo campo per alcuni lavori agricoli quando inavvertitamente ha disturbato delle vespe che si sono sentite minacciate ed hanno reagito aggredendolo. L’uomo, circa 60 anni di età, è stato praticamente avvolto dallo sciame ed ha subito qualche decina di punture in tutte le parti del corpo, soprattutto nella zona del volto, delle braccia, del torace e dell’addome. Dopo aver subito molte punture è riuscito a liberarsi e le vespe si sono allontanate, allora l’uomo è tornato a casa dalla moglie.

Per fortuna l’abitazione è poco distante e non ci ha messo molto. La consorte l’ha accompagnato subito al pronto soccorso dell’ospedale Leopoldo Mandic dove è stato medicato e gli hanno fatto gli esami per verificare la presenza di uno choc anafilattico. A quanto pare il contadino non è particolarmente sensibile al veleno dei pungiglioni delle vespe e ha subito più che altro un gran dolore per le tante punture.

È’ stato tenuto in osservazione per tutta la giornata e tutta la notte per verificare il decorso dell’azione del veleno ma a quanto pare tutto è rientrato. Una gran brutta avventura ma nessun rischio per la sua vita. La presenza dello sciame di vespe era casuale e non dovrebbero ripetersi episodi simili

© riproduzione riservata