Buonanotte

L’ultimo pensiero prima di spegnere la luce. O il primo dopo averla spenta

(facebook.com/mario.schiani - twitter: @MarioSchiani)

di Mario Schiani
Venerdì 27 ottobre 2017

Notizie brutte e belle

Incontrare la signora Malinpeggio è sempre un piacere, a patto di non irrigidirsi di fronte a certi suoi convenevoli poco convenzionali. Ieri mattina, per esempio, a un mio “buongiorno signora” in effetti un poco sottotono, ha risposto così:

“Devo proprio dirglielo: oggi ha l’aria di una cosa calpestata”.

“È la stagione. Con l’accorciarsi delle giornate, l’annuncio della brutta stagione si fa impellente. Non posso impedire al mio umore di peggiorare: la mente si riempie di malinconie, paure, preoccupazioni”.

“Questa è insieme una notizia brutta e bella”.

“Come sarebbe a dire?”

“Brutta perché lei si lascia ingannare dal suo cervello, che produce tutte le sensazioni di cui sopra. È programmato per preoccuparsi, ma questo comporta che lei paghi un prezzo in termini di energie morali e psichiche”.

“E la bella notizia?”

“Il suo cervello ancora funziona”.

“Vorrei tanto poter scacciare queste sensazioni deprimenti...”

“Questa è insieme una notizia brutta e bella. Brutta perché non c’è modo di impedire al suo cervello di preoccuparsi; bella perché ha l’occasione di provarci, coltivando nuovi interessi”.

“Ma lo sa che ha ragione? Grazie, signora! Parlare con lei è stato un sollievo. Ne approfitterò ancora, e presto”.

“Questa è insieme una notizia brutta e pessima”.

di Mario Schiani

© riproduzione riservata